Cartapesta, una tecnica antica: proprietà e lavorazioni

Cartapesta

 

 

Cartapesta

 

 

La cartapesta è una tecnica artistica, che utilizza carta o stracci, imbevuti in colla vinilica o colla di farina. Oggi questa tecnica viene ricordata maggiormente, nel periodo del Carnevale, per il suo utilizzo nei carri allegorici e per le maschere carnevalesche. E’ una tecnica molto green, in quanto è un ottimo metodo per riciclare la carta.

Ha origini molto lontane, sembra, che tra i primi ad usarla fossero gli antichi greci; i quali, al posto della carta usavano la fibra di lino. In Italia, questa tecnica è nota fin dal ‘400, in quanto si utilizzava per la realizzazione di statue sacre o bozzetti. Grandi artisti, come Michelangelo e Donatello, usavano proprio questa tecnica, per creare i loro bozzetti preparatori.

E’ nell’età barocca(‘600-‘700 a.C.) che la cartapesta ebbe il suo maggior utilizzo, infatti fu in quel periodo che nacque il mestiere di cartapestaio. A partire dalla seconda metà del ‘700, fu l’Inghilterra a dar maggior importanza e risalto all’uso di questa tecnica. Si iniziò ad usare la cartapesta al posto dello stucco, soprattutto, per decorare muri e soffitti.

 

 

Proprietà della cartapesta

 

La cartapesta può essere lavorata e rifinita con carta vetrata, coltelli affilati o seghe. Dal momento che è elastica e ha una resistenza alla trazione, abbastanza alta; non possono essere usati martello e scalpello.

Questo materiale, una volta essiccato, diventa molto leggero e durante la modellazione, bisogna tener conto della riduzione dopo l’asciugatura. La massa subirà una riduzione di volume, per l’elevato contenuto di acqua nel composto; che evaporerà.

E’ una tecnica molto semplice da realizzare, in quanto richiede materiali molto poveri; si può usare per ricoprire superfici o per creare elementi solidi. La superficie, essendo carta, è molto facile da dipingere o decorare.

A seconda del collante usato, può essere più o meno resistente. Se si userà la colla di farina, il tutto risulterà meno solido; al contrario con la colla vinavil, si otterrà un risultato più resistente. Per aumentare questa resistenza è possibile anche aggiungere del gesso all’interno del composto.

 

 

Tecniche di lavorazione

Le tecniche principale per la lavorazione sono 2:

TECNICA DI LAMINAZIONE

E’ quella più semplice e che conosciamo tutti; in breve è la stratificazione di strisce di carta incollate. Questa tecnica va benissimo per gli oggetti di piccole dimensioni. Se volete usare questa tecnica, anche con i vostri bambini, è consigliata la colla di farina, che si può fare tranquillamente in casa. Ecco quà il tutorial per realizzarla:

 

Materiali:

  • Un contenitore
  • Colla vinilica o colla di farina o colla per carta da parati
  • Acqua
  • Pennello
  • Giornali
  • Struttura di base

Cartapesta laminazione

Procedimento:

  1. Strappa la carta di giornale con le mani in piccoli pezzi; in base al lavoro che dovrai fare ti serviranno diverse misure. Di solito si usano le strisce di carta, larghe circa 2,5cm, ma come ho detto dipende da ciò che vogliamo fare.
  2. Fai la miscela. Mischia la colla e l’acqua in parti uguali, se vorrai il tutto più resistente dovrai mettere più colla, quindi in proporzione di 2 a 1.
  3. Trova una superficie da rivestire e proteggila con la pellicola trasparente. Questa diventerà la struttura interna del tuo oggetto.
  4. Imbevi i pezzetti di giornale nella miscela di acqua e colla e togli l’eccesso passandoteli tra le dita.
  5. Applica la carta sulla superficie da rivestire, lisciando per bene, in modo da non creare bolle d’aria. Se vuoi creare dei volumi, modella la tua carta, unendo più pezzi e applicala sulla superficie, per poi coprire con un altro strato di carta, per far aderire bene e lisciare il tutto.
  6. Fai almeno 3 strati di carta, ogni volta cambiando direzione, nell’incollare i pezzetti di carta.
  7. Fai asciugare per almeno un giorno.
  8. A questo punto si può rifinire il tutto con uno strato di stucco, ma è opzionale e non sempre necessario.
  9. Decoriamo tramite colori acrilici o decoupage.
  10. Fissiamo il decoro con un fissativo o con uno strato di colla vinilica.

 

 

TECNICA DI MACERAZIONE DELLA CARTA o CARTA DA CALCO

Questa tecnica per fare la cartapesta, richiede un pò più di tempo ed essendo più resistente, è più adatta per le creazioni più grandi e in 3D. Di solito si parte da un calco, del negativo dell’immagine, per riuscire a pestare la carta all’interno dello stampo e farle assumere la forma desiderata.

Materiali:

  • Bacinella
  • Cartoni delle uova o giornali
  • Frullatore
  • Segatura

Cartapesta: stampo

Procedimento:

  1. Sminuzzare i cartoni delle uova e metterli in una bacinella, per poi ricoprirli con acqua calda.
  2. Lasciate macerare per 4-5 giorni (per la carta di giornale basta un giorno).
  3. Togliete l’acqua dalla bacinella, senza strizzare la carta rompete di nuovo, i pezzetti di cartone.
  4. Immergete il frullatore nella bacinella e frullate, fino ad ottenere una pasta morbida.
  5. Strizzate la pasta, eliminando tutta l’acqua in eccesso.
  6. Aggiungete la colla, mescolando bene e strizzando la pasta tra le dita. Per la dose regolatevi ad occhio.
  7. Per aumentare la consistenza dell’impasto aggiungete la segatura.
  8. Continuate ad impastare, fino ad ottenere un impasto morbido e fine.
  9. Se non usate subito la cartapesta, avvolgetela in una pellicola trasparente e potrete conservarla per circa un mese.

 

 

Se quello che avete letto non vi basta, vi consiglio di acquistare questo manuale pratico, per chi è alle prime armi è perfetto!!!

 

 

Vi piace questa tecnica? Volete provare ad usarla?

Allora guardate questo video per iniziare con la tecnica della laminazione……

iniziamo…

 

 

Spero di esservi stata utile, per scoprire altre tecniche artistiche segui questo link

Buona creatività a tutti da Luluocchineri !!!!

 

Maschera di Carnevale fai da te: 2 metodi per realizzarla

maschera di carnevale e coriandoli fai da te

Arriva Carnevale…..come mascherarsi??? Ecco 2 metodi per creare una maschera di carnevale handmade Beh se ci pensiamo su, idee, ne troviamo fin ché vogliamo!!! Ma se siamo stati invitati ad una festa all’ultimo momento e non abbiamo avuto il tempo di pensare a come travestirci; una semplice maschera di carnevale, può salvare la situazione!!! Cosa c’è … Leggi tuttoMaschera di Carnevale fai da te: 2 metodi per realizzarla